zh-hansjaiten
I PAESAGGI VITIVINICOLI DI LANGHE-ROERO E MONFERRATO SONO PATRIMONIO DELL’UMANITÀ UNESCO
grappoli-moscatoLa vendemmia delle uve moscato inizierà tra pochi giorni nelle 3700 aziende viticole che coltivano i diecimila ettari dell’area di produzione dell’Asti e del Moscato Docg;  ci sono tutte le premesse per una grande annata. Buono il clima anche tra i protagonisti della filiera che hanno raggiunto e ribadito la volontà di sostenere la denominazione con risorse da investire in promozione e valorizzazione . Durante una conferenza stampa comune, presenti i rappresentanti delle Organizzazioni professionali ( Coldiretti, Confagricoltura, Cia) e delle Associazioni: Produttori del Moscato, Vignaioli Piemontesi, Agrinsieme, Case spumantiere, svoltosi lunedì 31 agosto nella sede di Isola del Consorzio dell’Asti, alla presenza dell’assessore regionale all’Agricoltura Giorgio Ferrero, sono stati illustrati i termini dell’intesa che vedrà  nascere un fondo per l’Asti e Moscato Docg da destinare principalmente in Italia e in Europa. “Per il Piemonte del vino è una bella notizia” ha sottolineato l’assessore Ferrero. Il fondo, che si prevede raggiungerà un valore di circa  3,5 milioni di euro,  sarà gestito da una commissione composta equamente dai rappresentanti di parte agricola dell’intera filiera e delle Case spumantiere in seno al Consorzio dell’Asti. Il Vicepresidente di parte agricola del Consorzio, Stefano Ricagno, ha illustrato le proposte, inviate alla Regione, riguardanti le  rese produttive nonchè le indicazioni   per le modalità di stipulazione degli accordi individuali scritti tra fornitore di uva e acquirente:  
  • Asti docg (78 quintali per ettaro, piu 10 ql/ha a riserva vendemmiale e 32 ql/ha di superi),
  • Moscato d’Asti docg (95 quintali per ettaro e 25 ql/ha di superi).
  • Uva docg: €/ql 107
  • Mosto docg: €/ql 156,87
  “Tutti insieme e in leale spirito di collaborazione siamo chiamati a superare il delicato momento congiunturale che la denominazione, e in particolare l’Asti, sta attraversando” ha ribadito Stefano Ricagno  a nome di tutto il Consiglio di Amministrazione. “Giorgio Bosticco, direttore del Consorzio ha spiegato le modalità di costituzione del fondo che può rappresentare “una bella opportunità di rilancio dell’immagine e del posizionamento dell’Asti e del Moscato docg”. I rappresentanti delle Case spumantiere Lorenzo Barbero per il Gruppo  Campari, Germano Bosio (Cantine Capetta)   Giovanni Bosca (Tosti) hanno sottolineato il valore dell’intesa e la volontà di una rilancio della denominazione anche percorrendo nuove “tipologie” produttive già in avanzata fase di sperimentazione enologica. Si è fatto l’esempio di un  “Asti secco” destinato a coprire nuove fasce di mercato senza dimenticare il ruolo di leader dell’Asti e del Moscato docg tra i vini dolci e aromatici. Giovanni Satragno e Paolo Ricagno , rispettivamente a nome dell’Associazione Produttori Moscato e della Vignaioli Piemontesi hanno sottolineato il  “consapevole sacrificio economico” che la parte agricola è chiamata  a sostenere nella speranza che l’intero comparto, così importante per l’economia piemontese, sappia risollevarsi e crescere, tornando a raggiungere la quota di 100 milioni di bottiglie ottenuta negli anni scorsi.