zh-hansjaiten
I PAESAGGI VITIVINICOLI DI LANGHE-ROERO E MONFERRATO SONO PATRIMONIO DELL’UMANITÀ UNESCO
Posted by: In: Attività 22 Dic 2015 0 comments Tags: , , ,
Gli acquisti di Natale ad Asti sono più dolci e profumati con una coppa di Asti docg. Stà accadendo in una cinquantina di negozi aderenti all’Ascom-Confcommercio dove è stata avviata l’operazione “Sorriso e cortesia”. I negozianti, in collaborazione con il Consorzio dell’Asti docg, offrono un dolce tipico offerto dall’Azienda Coppo di Asti e una degustazione dell’aromatico spumante astigiano, conosciuto in tutto il mondo, ai loro clienti. Un brindisi benaugurale molto gradito dagli astigiani e anche dai forestieri in città per lo shopping natalizio. Riconoscere i negozi convenzionati è facile: c’è una vetrofania all’ingresso e le bottiglie di Asti docg sono esposte vicino ai capi di abbigliamento, alle calzature, ai prodotti alimentari, ai profumi, ai libri ed altro ancora in modo da rendere l’Asti un prodotto per ogni occasione. Il Consorzio dell’Asti sottolinea il valore di “radicamento” dell’iniziativa nella città che porta il nome del vino italiano a docg più brindato nel mondo. “Visto il gradimento dell’operazione “Asti mi piace Asti” che abbiamo promosso lo scorso settembre con migliaia di cartoline valide per un brindisi nei bar e nei ristoranti della città, abbiamo pensato in occasione delle feste di fine anno di estendere l’offerta ai negozi astigiani e ai loro clienti. Ogni negozio è stato invitato dall’Ascom a creare un piccolo salotto, un angolo accogliente dove fare una breve pausa e scambiarsi gli auguri nel più classico dei modi: brindando con l’Asti docg”. Il Consorzio ha creato una situazione analoga anche al mercato coperto di piazza Libertà, dove il brindisi con la docg Asti viene offerto davanti allo spazio enoteca, ad ogni cliente che si presenti con lo scontrino di acquisto rilasciato da uno dei banchi del mercato coperto. “Vogliamo ricordare agli astigiani che durante le feste hanno la possibilità di brindare e far brindare con l’ASTI docg lo spumante delle loro terra, figlio di quelle vigne che l’Unesco ha riconosciuto come patrimonio dell’umanità”. SCARICA IL COMUNICATO STAMPA
Posted by: In: Attività 01 Giu 2015 0 comments Tags: , , , , ,
SPOSI CINESI EXPO Nei giorni scorsi ha fatto scalpore la notizia di un imprenditore cinese che ha “portato in gita” in Costa Azzurra e a Parigi migliaia di dipendenti per festeggiare l’anniversario della sua azienda. All’Expo di Milano c’è stato un avvenimento più piccolo nei numeri, ma non meno significativo e curioso a conferma dell’amore e della voglia dei cinesi di scoprire l’Europa. Dodici coppie di giovani hanno avuto l’opportunità di venire all’Expo, con la mediazione dell’agenzia cinese Rose Wedding (organizza 120 mila matrimoni all’anno), e si sono sposati con una cerimonia comune celebrata nel Padiglione China Corporate. Pronunciati ventiquattro “shi” e le spose avevano tra i capelli nastri rossi in segno di buon augurio. I giovani segnano un ideale ponte tra l’Expo di Shanghai del 2010 e quello di Milano e sono la riprova della crescita dei flussi turistici cinesi verso l’Europa e l’Italia in particolare. Il legame con il nostro paese è sottolineato dalla scelta del brindisi affidato all’Asti docg, lo spumante italiano a denominazione controllata e garantita più brindato al mondo. Il Consorzio dell’Asti ha offerto una straordinaria ospitalità alle coppie di neo sposi che da Milano hanno raggiunto il ristorante del castello di Moasca per una cena in onore dei giovani sposi con maxi torta. Altri auguri e altri brindisi “kampai” con Asti docg, dolce ideale per ogni luna di miele. In Cina, il Consorzio sta portando avanti l’Operazione Lady Asti che ha già coinvolto decine di migliaia di giovani impegnati in una gara canora che ha avuto grande successo sui social media. SPOSI CINESI “In Cina abbiamo grandi potenzialità – dice Gianni Marzagalli, presidente del Consorzio – basti pensare che nel 2012 si vendevano neanche 200 mila bottiglie di Asti. Oggi, dopo l’inizio della nostra campagna di promozione, abbiamo più che raddoppiato superando le 500 mila bottiglie. Dobbiamo continuare su questa strada”. Il direttore Giorgio Bosticco tiene a rimarcare che “ai numeri fanno eco i prezzi: sul mercato cinese, una bottiglia di Asti è venduta tra i 20 euro in enoteca e i 60 del locale alla moda. Prezzi che tengono anche sui mercati affermati come la Russia, dove si vendono oltre 15 milioni di bottiglie di Asti, e negli Stati Uniti con 9 milioni di bottiglie vendute”.
Posted by: In: Attività 07 Gen 2015 0 comments Tags: , ,
L’Asti Docg incorona la sua nuova “Bubble Queen”, la reginetta cinese delle bollicine. Si chiama Wang Ni ed è la vincitrice del concorso canoro Lady Asti 2014, l’X-Factor al femminile giunto alla seconda edizione dopo il successo dello scorso anno. Wang Ni, 25 anni di Pechino, si è imposta su altre nove candidate durante la finale di gara svoltasi il 21 dicembre sul palco del prestigioso Qian Shui Wan di Shanghai, la “casa” di The Voice of China. Slanciata, dai capelli bruni e gli occhi nerissimi, la Wang ha trionfato per qualità artistiche, estensione vocale, presenza scenica e personalità «dolce e frizzante», caratteristiche fondamentali per essere eletta Lady Asti e divenire ambasciatrice dell’Asti Docg in terra cinese. «Sono felicissima», ha dichiarato Ni dopo l’incoronazione. «Tra i premi c’è un viaggio in Italia e l’opportunità di seguire uno stage di canto. Spero che questa vittoria possa aprirmi le porte del mondo dello spettacolo e farmi crescere artisticamente: finora cantavo solo per hobby pur avendo avuto un breve trascorso cinematografico. Adoro lo “spotlight”!». Tra le novità di quest’anno, oltre alla shopping card del valore commerciale di ottomila euro offerta da Fidenza Village da utilizzare durante il viaggio premio in Italia ospite del Consorzio dell’Asti la giovane Pechinese godra’ di una serie di premi di notevole spessore artistico: uno stage presso il CET School Center del Maestro Giulio Mogol offerto dal Maestro in persona, un anno di contratto con Arcobaleno Tre (casa di produzione italiana che ha nel proprio carnet artisti quali Paolo Bonolis, Roberto Benigni e Antonella Clerici) e l’apertura del concerto di una celebre cantante italiana – il cui nome è per il momento mantenuto riservato - in programma per la primavera-estate del 2015. Per giungere alla finale, Wang Ni ha dovuto superare audizioni, selezioni e sfide dirette, nonché il giudizio del popolo della Rete che ha valutato a colpi di click i video delle sue esibizioni. La finale del 21 dicembre, di fronte ad un pubblico di oltre mille persone e una giuria tecnica composta da cantanti e musicisti Cinesi, è stata trasmessa in diretta mondiale sul canale streaming PPTV che vanta oltre tre milioni di utenti giornalieri. Lady Asti è il concorso canoro ideato dal Consorzio dell’Asti e gestito da Insider International ltd dei fratelli Angelo e Vincenzo Morano. L’idea del contest nasce in seguito alle indagini del Consorzio che hanno individuato nel pubblico femminile della città di Shanghai (megalopoli da oltre 25 milioni di abitanti) un’enorme potenziale promozionale e commerciale per posizionare l’Asti Docg nell’area del glamour e del divertimento. Il concorso, una sorta di X-Factor giocato sui social network e le performance delle cantanti nelle popolari sale karaoke della città, ha visto la partecipazione di 30 mila ragazze, 5 mila sfide dirette, oltre 600 video caricati sui social network e 2 milioni di persone votanti tramite web. Quest’anno l’importante introduzione di ben 16 università e diversi centri commerciali ha permesso al brand Asti DOCG un ulteriore exposure in canali e fasce determinanti tra i “consumers” orientali. Il Consorzio dell’Asti, in considerazione delle interessanti potenzialità di consumo del mercato cinese, amplierà e diversificherà el 2015 le attività e gli investimenti con iniziative presso importanti catene di distribuzione (Carrefour – Tesco – Lotus) promuovendo “AstiHour”, un nuovo modo di bere l’Asti docg con frutta on the rocks, con la partecipazione e collaborazione di quattro importanti case spumantiere. Seguiranno eventi glamour con Asti docg insieme alle grandi griffe della nostra moda per suggellare il successo delle eccellenze “made in Italy”.