zh-hansjaiten
I PAESAGGI VITIVINICOLI DI LANGHE-ROERO E MONFERRATO SONO PATRIMONIO DELL’UMANITÀ UNESCO

Seicento aziende del Piemonte al 48° Vinitaly dal 6 al 9 aprile

Posted by: In: Attività 31 Mar 2014 0 comments Tags: , ,
La partecipazione del Piemonte al Vinitaly di Verona ha una lunghissima tradizione e costituisce una delle più importanti iniziative di promozione e di marketing dei produttori e delle Istituzioni piemontesi. Si tratta, infatti, della più vasta e importante fiera internazionale del comparto vini, con i suoi 4300 espositori, 153.000 visitatori, di cui 50.000 operatori provenienti da 114 Nazioni; 2500 giornalisti, provenienti da 140 Nazioni. Anche in questa 48° edizione,dunque, risulta forte e qualificata la presenza piemontese che comprende circa 600 espositori, in gran parte occupanti l’intero padiglione 10 “Piemonte”; altri espositori piemontesi, soprattutto grandi aziende e marchi, sono presenti in altri padiglioni. Gli espositori piemontesi sono in gran parte piccole e medie aziende, alle quali si aggiungono una ventina di Cantine Cooperative, 5 Associazioni di Produttori, 10 Consorzi di Tutela, Organizzazioni economiche e Professionali dei produttori e numerosi Enti e Istituzioni. Una presenza, quella piemontese, ininterrotta fin dalle prime edizioni, tradizionalmente forte e unitaria, che ha contribuito a costruire questa storia esaltante del Vinitaly. Una partecipazione, definita “la carica dei 600”: tanti sono i piemontesi (circa il 14% del totale espositori), fortemente motivati a consolidare e sviluppare al Vinitaly l’ ottimo rapporto con il mercato internazionale, come confermano i dati dell’export piemontese di vini che nel 2013 ha superato 1,4 miliardi (+ 10% sul 2012), (valore statistico di bevande alimentari composto in larghissima parte da vini e distillati). Sui mercati esteri va circa il 60% dei vini piemontesi, all’incirca: 63 milioni di bottiglie d’Asti, 20 milioni di bottiglie di Moscato d’Asti, 8 milioni di bottiglie di Barolo, 2,5 milioni di Barbaresco, 10 milioni di Barbera d’Asti, 8 milioni di Gavi, 1,5 milioni di Brachetto d’Acqui, ecc. Tale partecipazione consolida la collaborazione tra Regione Piemonte, Unioncamere Piemonte e il Consorzio Piemonte Land of Perfection, l’organismo per la promozione che raggruppa i principali consorzi e associazioni piemontesi del vino; una collaborazione che si esplicita nella organizzazione della presenza di circa 200 espositori in un’area collettiva all’interno del pad. 10 Piemonte, che comprende un’area di accoglienza, un’area per le presentazioni e degustazioni guidate dei vini anche in abbinamento con altri prodotti alimentari, e uno spazio incontri dove si svolgerà un programma di eventi che rappresentano le novità, le iniziative e progetti sulla vitivinicoltura piemontese e dei relativi territori. L’azione dei tre soggetti è anche finalizzata a promuovere l’immagine unitaria e coordinata del Piemonte al Vinitaly; in tal senso l’immagine nasce dall’opera artistica di Sara Enrico, scelta da un concorso per giovani artisti promosso da Regione Piemonte e Artissima, Internazionale di Arte Contemporanea di Torino. Un altro elemento di novità è costituito dal “Ristorante Piemonte” nella Cittadella della Gastronomia del Vinitaly, curato da tre grandi chef piemontesi stellati: Davide Palluda, Maurilio Garola e Christian Milone, che proporrànno i piatti della migliore tradizione piemontese in abbinamento ai grandi vini DOC e DOCG. Tra le novità di quest’anno, la partecipazione dei produttori piemontesi, con le loro etichette, anche a Vinitaly and the City , il Fuori Salone che Vinitaly organizza nel cuore della città di Verona, al Palazzo della Gran Guardia, nelle serate del 6 e 7 aprile . Ricercate produzioni tipiche di qualità affiancheranno un’ampia selezione di oltre 300 etichette di vini nazionali, tra cui la selezione dei concorsi enologici seguiti dalle Camere di commercio di Novara, Torino, Alessandria e Asti, con il coordinamento di Unioncamere Piemonte . Infine, per la medaglia Cangrande, conferita ogni anno ai benemeriti della vitivinicoltura segnalati dalle Regioni, il designato per il Piemonte è Giovanni Battista Marchisio: un simbolico premio alla carriera per questo uomo di Vezza d’Alba che ha dedicato la sua vita al servizio e per lo sviluppo delle terre del Roero, ricordando in particolare la sua attività nel mondo del vino come “storico” presidente della società cooperativa Cantina del Nebbiolo di Vezza d’Alba che ha guidato dal 1986 al 2013. L’assessore all’agricoltura della Regione Piemonte Claudio Sacchetto ha così commentato il senso della partecipazione del Piemonte al Vinitaly: “Quello del vino rappresenta uno dei comparti più importanti, vitali e attivi della nostra economia e della nostra società. I nostri vini, famosi e apprezzati in tutto il mondo, costituiscono una grande risorsa economica e un simbolo del made in Italy e made in Piemonte. Essi hanno anche quel forte valore aggiunto che gli deriva dal loro profondo legame con i territori di produzione: quei vigneti che si preparano al riconoscimento UNESCO come patrimonio dell’umanità. La Regione Piemonte è fortemente impegnata nel dare continuità al sostegno al comparto, soprattutto con le misure dell’OCM Vino: “Investimenti”, “Ristrutturazioni e riconversioni”,”Promozione su Paesi Terzi”, con le quali sono state impegnate risorse per 23 milioni di euro nel 2013 e 21milioni nel 2014. Altri 6 milioni di euro nel 2013-2014 sono stati impegnati sulla misura 133 del PSR, che comprende il finanziamento per la partecipazione del Piemonte al Vinitaly che rappresenta il più importante appuntamento per i nostri produttori per consolidare e sviluppare contatti e contratti con gli operatori, per presentare quello che si fa sulla tutela e valorizzazione e per promuovere, attraverso il vino, il nostro Piemonte”. “Il sistema camerale è da sempre al fianco dei piccoli produttori locali, fornendo loro supporto organizzativo, tecnico e logistico nell’ambito della partecipazione alle più importanti manifestazioni fieristiche, nella consapevolezza che la promozione dell’economia regionale passa attraverso il sostegno dei settori produttivi di eccellenza del territorio – ha dichiarato il Presidente di Unioncamere Piemonte Ferruccio Dardanello -. Siamo quindi orgogliosi di portare, ancora una volta, le aziende piemontesi al Vinitaly di Verona, vetrina d’eccellenza per le produzioni vitivinicole della regione, che quest’anno, con la partecipazione al Fuori Salone Vinitaly and the City avranno un’occasione in più per far conoscere al mondo le loro eccellenze e trovare nuove occasioni di business” Andrea Ferrero, presidente di Piemonte Land of Perfection: “Dopo la partecipazione al Prodexpo a Mosca e al ProWein a Dusseldorf, siamo pronti per Vinitaly. Torniamo a presentarci uniti in una collettiva, consapevoli che la forza del brand Piemonte rende forti il territorio e la sua economia. Dobbiamo proseguire in questa direzione consapevoli delle grandi potenzialità che un territorio ha quando si trasforma in marchio, com’è successo per il Barolo, il Barbaresco, l’Asti e gli altri grandi vini del Piemonte. Un risultato questo raggiunto da una squadra di vignaioli che da anni e sempre più si muove unita sapendo che camminare insieme porta lontani. L’ho già detto e lo ripeto: anche il 2014 vedrà i produttori con la valigia in mano pronti ad andarsi a cercare nuovi spazi di mercato all’estero. Il Consorzio Piemonte Land of Perfection li sostiene con attività di promozione in tutto il mondo: dal 22 al 24 aprile saremo a Expovinis a San Paolo, in Brasile, mentre dal 27 al 29 maggio torneremo a Vinexpo Asia Pacific di Hong Kong”.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Related Posts