zh-hansjaiten
I PAESAGGI VITIVINICOLI DI LANGHE-ROERO E MONFERRATO SONO PATRIMONIO DELL’UMANITÀ UNESCO

Il Consorzio per la tutela dell’Asti lancia “Asti mi piace Asti” e i turisti brindano con dolci bollicine

Posted by: In: Attività 07 Set 2015 0 comments Tags:
        La città di Asti è conosciuta nel mondo anche perché ha dato il nome allo spumante dolce e aromatico ottenuto dalle uve moscato coltivate nella zona di produzione a docg. Capita però troppo spesso che l’Asti docg sia poco presente o del tutto assente dalle carte dei vini e dalla proposta di brindisi di molti locali pubblici, caffè,  bar, ristoranti proprio della sua zona di origine e produzione. Molti stranieri conoscono l’Asti docg e trovandosi a passare per la città che porta lo stesso nome cercano e gradirebbero una degustazione, ma non è sempre facile trovarla. Le ragioni che hanno portato a questo stato di cose sono molteplici e a volte un po’ stantie. Meglio guardare avanti e cercare si recuperare un rapporto tra Asti e il suo spumante che parta proprio da chi tutti i giorni è “sulla piazza” a contatto con i turisti italiani e stranieri. Ecco quindi la ragione dell’operazione “Asti mi piace Asti” che vedrà coinvolti 25 tra bar, caffè, vinerie nel centro di Asti. Il Consorzio di tutela dell’Asti docg d’intesa con il Comune di Asti, le associazioni di categoria e i singoli esercenti rilancia un’alleanza storica e naturale favorendo la presenza dell’Asti docg per tutto il periodo del Settembre Astigiano che ha nel Palio, nel Festival delle Sagre e nelle Douja i suoi richiami clou. L’operazione “Asti mi piace Asti” utilizza il simbolo del pollice alzato ampiamente usato da Facebook per indicare I Like. Il Consorzio di tutela dell’Asti docg metterà a disposizione gratuita di ogni locale aderente una fornitura di bottiglie istituzionali di Asti docg, più bicchieri calici adeguati, tovagliette da banco e altro materiale promozionale, compresa la vetrofania con il logo di “Asti mi piace Asti”. I locali si impegnano a servire due coppe gratis di Asti docg a chi si presenterà con la cartolina invito alla degustazione “Asti mi piace Asti” che contiene l’elenco dei locali aderenti. La cartolina invito alla degustazione “Asti mi piace Asti” sarà distribuita in tutti i principali alberghi dell’Astigiano a disposizione dei clienti e d’intesa con il Comune di Asti verrà allegata anche ai biglietti del Palio del 20 settembre in modo da offrire a chi viene da spettatore alla storica manifestazione un’occasione in più per conoscere da vicino un prodotto tipico dell’enologia piemontese. Obiettivi: riportare l’Asti docg, anche nella versione Asti Hour, nei locali astigiani  e rinsaldare un legame tra chi produce l’uva, il vino e chi lo propone ai consumatori.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Related Posts