zh-hansjaiten
I PAESAGGI VITIVINICOLI DI LANGHE-ROERO E MONFERRATO SONO PATRIMONIO DELL’UMANITÀ UNESCO

Gavi Denominazione artistica: dal 27-29 maggio 2016 arte, vino, archeologia, economia, turismo

Posted by: In: Attività 23 Mag 2016 0 comments Tags: , ,
Tre giorni da venerdì 27 a domenica 29 maggio nelle colline incantate del Gavi per scoprire la "Denominazione Artistica" del Grande Bianco Piemontese attraverso un evento diffuso in più luoghi significativi del territorio per parlare di arte, vino, e turismo.   L'imponente Forte diventa il palcoscenico della Buona Italia, il Premio Gavi che quest’anno sarà assegnato alla” Filiera della Bellezza” ovvero i migliori progetti che in ambito nazionale associano il mondo del Vino e del Cibo alle Arti e alla Cultura (20 i candidati finali); l’antica fortezza apre le porte a una mostra inedita sulla percezione e la fruizione della Terra con le sculture e le installazioni di artisti; il sito archeologico di Libarna propone conversazioni sulle origini del Vino e un curiosissimo mercato di cibo di strada con ricette dell'antica Roma.   VALORE FORTE, Gavi for arts, è mostre, convegni e  degustazioni dedicati a una nuova offerta culturale che risponde alle esigenze del turista – assecondandone desideri e passioni -  che vuole investire il proprio tempo libero per conoscere luoghi e culture, vivendo esperienze allo stesso tempo aggreganti, autentiche e formative.   Maurizio Montobbio, Presidente del Consorzio Tutela del Gavi ha  spiegato l’originale “Denominazione Artistica” del Gavi DOCG. “Una denominazione di vino non è solo controllata e garantita da punto di vista produttivo ma difende una propria bellezza che si interseca con i beni culturali, l’arte contemporanea, l’archeologia, il terroir e le storie del territorio. L’esempio che propone oggi il Consorzio è una rete di soggetti istituzionali impegnati nella qualificazione del patrimonio agroalimentare  e culturale  per offrire ai turisti e ai wine lovers nuove chiavi di lettura, di interpretazione e di fruizione dello straordinario patrimonio storico, culturale, archeologico naturale ed enogastronomico di un territorio”.   Francesco Moneta, curatore del Laboratorio Gavi  introducendo il  Premio Gavi LA BUONA ITALIA alla sua seconda edizione dice ”Come ha recentemente suggerito il Censis, il futuro e il successo delle filiere enogastronomiche italiane stanno anche nella efficace integrazione con le dimensioni culturali e turistiche dei propri territori, tema attuale per le grandi e forse soprattutto per le piccole denominazioni”   Nei territori agricoli e vinicoli d’Italia viene infatti prodotto il 99,5% dei prodotti certificati, il 93% delle Dop e Igp e il 79% dei vini più pregiati. Il Consorzio tutela del Gavi ha deciso di ampliare la visione del proprio territorio: con il  Laboratorio Gavi nel 2014 ha individuato le 7 Regole per la Buona Italia, e con il Premio Gavi LA BUONA ITALIA,  alla sua seconda edizione, si mette al servizio della ‘Filiera della Bellezza’ per premiare quest’anno  i migliori progetti che in Italia associano il mondo del Vino e del Cibo alle Arti e alla Cultura.   Ecco i 20 progetti che saranno presentati e tra cui sarà eletto il Vincitore del Premio Gavi la Buona Italia   PRODUZIONI CULTURALI: ARTE CONTEMPORANEA Ca del Bosco (Erbusco - BS) - Azienda Vinicola/Arte Contemporanea Collezione d’Arte Contemporanea sia all’aria aperta che all’interno della cantina.   Cantina Marcjhesi aAntinori (San Casciano Val di Pesa - FI) - Azienda Vinicola/Arte Contemporanea Antinori Art Project è una piattaforma di interventi in ambito arte contemporanea raccontata dai sui protagonisti   Cantina Ceretto  (San Cassiano Alba - CN) - Azienda Vinicola/ Arte Contemporanea Arte Contemporanea più Architettura moderna, Cappella di Sol LeWitt e David Tremlett   Michele Chiarlo (Calamandrana - AT) - Azienda Vinicola/Arte Contemporanea Parco artistico “Il Parco Orme su La Court” con scenografia progettate da Emanuele Luzzati   Castello di Ama (Gaiole in Chianti - SI) - Azienda Vinicola/ Arte Contemporanea Progetto “Castello di Ama per l’Arte Contemporanea”   ARTI PERFORMATIVE ED EVENTI MULTIDISCIPLINARI   Associazione Italiana Sommelier (Milano) - Associazione/Produzione Culturale Progetto Biancorossogreen per raccogliere e riciclare o riutilizzare il sughero usato per la chiusura delle bottiglie   Il Paradiso di Frassina (Montalcino- SI) - Azienda Vinicola/ Produzione Culturale Il Flauto Magico, Cru del Paradiso nasce da un ettaro di vigna di Brunello con 50 diffusori BOSE sparsi tra i filari   Consorzio prosciutto di San Daniele  (San Daniele del Friuli- UD) Consorzio/Produzione Culturale A The Waterstone/Expo di Milano, è stato presentato “L’elogio del Prosciutto”   ETICHETTE E PACKAGING D’AUTORE Ornellaia(Castagneto Carducci - LI) - Azienda Vinicola/Etichette e Bottiglie d’Artista Progetto “Vendemmia d’Artista” un artista contemporaneo firma un’opera d’arte e etichette in edizione limitata   Frescobaldi (Firenze) – Azienda Vinicola/Arte Contemporanea e Etichette d’Artista Premio Artisti per Frescobaldi per l’Arte Contemporanea   PREMI CULTURALI Nonino (Pavia di Udine - UD) Azienda Beverage/Premi Premio Letterario alla 40^ edizione   Strega Alberto Benenvento (Benevento) Azienda Beverage/ Premi Premio Strega   RESTAURI E VALORIZZAZIONE Mastrobernardino (Atripalda - AV) Azienda Vinicola/Restauro e Valorizzazione Programma di ricerca sui metodi e sulle tecniche di viticoltura e vinificazione nell’antica Pompei   Rigoni di Asiago (Asiago) Azienda Alimentare/ Restauro e Valorizzazione Restauro di Brera   Arnaldo Caprai (Montefalco - PG) Restauro e Valorizzazione #Capari4love per il recupero e acquisto di opere e beni culturali   SPONSORIZZAZIONI Istituto Marchigiano tutela vini  la Vini (Jesi - AN) Associazione/ Sponsorizzazione Progetto “Nutrire L’Anima” organizzato dallo Sferisterio di Macerata in occasione di EXPO Milano 2015   Donnafugata (Marsala - TP) Azienda Vinicola/Sponsorizzazione Premio letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Scuola Normale di Pisa negli scavi archeologici sul sito   MUSEI DEL CIBO E DEL VINO Museo Perugina (Perugia) Azienda Alimentare/Museo del Cibo e del Vino Presenti installazioni luminose e d’impatto, virtual tour, corsi con maestri personalizzati, eventi     Galleria Campari (Milano) Azienda Beverage/Museo del Cibo e del Vino Spazio dinamico, interattivo e multimediale sul rapporto tra Campari, la comunicazione, l’arte e il Design   Museo Branca (Milano) Azienda Beverage/Museo del Cibo e del Vino Raccoglie oggetti e documentazione da collezione, è luogo di attività culturale   IL PRIMO RAPPORTO NAZIONALE WINE&FOOD&ARTS Le interconnessioni tra le Arti, la Cultura e il settore Agroalimentare nazionale sono al centro dell’indagine inedita promossa dal Consorzio tutela del Gavi attraverso il Laboratorio Gavi e in collaborazione con il CeSTIT, Centro Studi per il Turismo dell’Università di Bergamo: è il primo rapporto italiano ‘Wine&Food&Arts’. che sarà presentato il 27 maggio al Forte di Gavi, in occasione del workshop di premiazione del Premio Gavi LA BUONA ITALIA.   Gavi e il suo Forte, Libarna, le colline del Cortese: da naturale skyline a cuore pulsante e simbolo della dinamicità di una comunità, sostenuta e valorizzata anche grazie al Consorzio Tutela del Gavi.   PROGRAMMA DI VALORE FORTE – Gavi for Arts*   Venerdì 27 Premio Gavi La Buona Italia Ore 11.00 Sarà assegnato alla” Filiera della Bellezza” i migliori progetti che in Italia associano il mondo del Vino e del Cibo alle Arti e alla Cultura.   Presentazione del Rapporto Wine & Food & Arts Le interconnessioni tra le Arti, la Cultura e il settore Agroalimentare nazionale sono al centro di questa indagine inedita promossa dal Consorzio tutela del Gavi attraverso il Laboratorio Gavi e in collaborazione con il CeSTIT, Centro Studi per il Turismo dell’Università di Bergamo   Inaugurazione della mostra In Principio è la terra Ore 17.00 Esposizione delle opere di giovani artisti che parlano di terra e di rapporto fra natura, uomo e terra.   Sabato 28 Ore 10.30 Archeologia del vino” – Convegno (Forte di Gavi) con Attilio Scienza Vigne e vini nell’archeologia dell’Italia settentrionale Ore17.00  “Street Food a Libarna: alle origini del cibo di strada un percorso di degustazioni di prodotti del territorio i cui ingredienti affondano le proprie origini nell’antichità.     DOMENICA 29 MAGGIO -    Dalle ore 15.30 Forte di Gavi Alla Corte del Gavi: degustazione di Gavi Docg e delle DOP piemontesi con acquisto del Bicchiere   *può subire ancora modifiche:  per informazioni www.consorziogavi.com www.gavi972.it IL GAVI DOCG Negli ultimi 10 anni la denominazione  del Gavi DOCG ha assistito ad un costante incremento: Circa 40% di superficie vitata in più  - da 1076 ettari a 1507 + 47% di bottiglie prodotte – da 8 a 12.600.000 L'85% circa  della produzione è  destinata all’export  soprattutto in UK, USA, Russia Giappone dove è  tra i primi vini italiani nella fascia top-premium. La denominazione del Gavi DOCG compresa negli 11 comuni della provincia di Alessandria di Bosio Capriata d'orba, Carrosio, Francavilla Bisio, Gavi, Novi Ligure, Parodi  Ligure, Pasturana, San Cristoforo, Serravalle Scrivia e Tassarolo si estende su una superficie totale di circa 1500 ettari, conta circa 440 aziende tra produttori, vinificatori e imbottigliatori, impiega 5000 persone nell’intera filiera per un totale di circa 55 mln di fatturato a distributori (on trade) Il buon andamento  del mercato nazionale e internazionale ha portato negli ultimi 5 anni ad  una crescita generale della denominazione: in termini di accoglienza turistica, ricettività, valore dei terreni, delle aziende e degli scambi. "Una crescita che il Consorzio guida attraverso un modello di programmazione che riguarda l'intera filiera e che ha l 'obiettivo di innovare rispettando la tradizione. Con una particolare attenzione alla biodiversità, elemento determinante per un futuro sostenibile" dice il Presidente del Consorzio Maurizio Montobbio.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Related Posts